Sezione di Verona



Lavazč-Pietralba (MTB) - Brisotto R., Benedetti M.
24/9/2017



GIOVANE MONTAGNA – SEZIONE DI VERONA

 
24/09/2017  Pietralba –Passo di Lavazè – Passo Oclini – Pietralba in Mountain Bike

Capigita: Roberto Brisotto (cell 3487840501), Monica Benedetti (cell 3472434458)


 


Partenza ore 7.00 dal parcheggio di Porta Palio

Dislivello in salita: 510 mt. circa.   Lunghezza percorso: circa 38 km.

Tempo di percorrenza: 5-6 ore.    Difficoltà: media.

Vi proponiamo la versione in MTB della storica gita di fondo della nostra sezione GM di Verona, la Lavazé -Pietralba!

É una gita "sociale", per tutti quelli che vogliono vivere una giornata insieme in MTB, perché offre varianti ed eventualmente possibilità di ritorno per chi non volesse fare tutto il percorso (anche se, visti i paesaggi che riserva e la bellezza dei luoghi, vale la pena faticare un poco, in allegra compagnia, per scoprirli!).

Si parte dal Santuario di Pietralba (Weissenstein, mt 1520), prendendo una strada sterrata sul lato sud ovest del santuario (segnavia n. 8) che dopo pochi minuti s’inerpica in salita nel bosco. Non scoraggiatevi! La salita dura poco, un quarto d’ora circa ed è la salita più ripida del percorso. Chi non ce la fa a restare in sella potrà scegliere di spingere per poco la bici: è un po’ faticoso ma ne vale la pena per il panorama e i paesaggi che appariranno a chi resisterà a questa prima difficoltà della giornata! 

Dopo questa salita iniziale la strada arriva ad un incrocio di sentieri; si deve seguire il sentiero 15 a sinistra e poi l’E5 fino al bivio con il sentiero 2A, direzione Neuhütte. E’ una strada sterrata che sale, ma ora molto gradualmente, scorrevole, in mezzo al bosco, lasciando intravedere sulla sinistra panorami splendidi con scorci sul Santuario di Pietralba, e che ci porterà a Neuhütte, Capanna Nuova (1791 mt). Da qui, seguendo il segnavia numero 2 (strada a sinistra, di fianco al laghetto, evitando quella più in salita) arriveremo a malga Ora (1872 mt), arrivando quindi, per la strada principale, sempre sterrata, ad incrociare la strada asfaltata al Passo di Lavazè (1825 mt).

Per i piu arditi, da Malga Ora, evitando il passo di Lavazè, si può proseguire per il sentiero sulla traccia n. 2 che porta, decisamente in salita , verso Passo Oclini (1989 mt), mentre, per chi arriva piu tranquillamente al Passo di Lavazè, dal Passo, sulla sinistra, si segue l’indicazione per passo Oclini, percorrendo l’unico pezzo di strada asfaltata di 3 km circa, che ci porterà al Passo Oclini, (1989 mt), il punto piu alto del percorso, in direzione del Corno Bianco. Da Passo Oclini una strada sterrata in piano e poi in discesa verso Redagno, ci porta, dopo 1 km circa a Malga Gurndin (1952 mt), una splendida e accogliente malga in una conca erbosa, dove ci fermeremo per il pranzo. Dopo pranzo la via del ritorno ci farà tornare inizialmente in salita per 1 km a Passo Oclini. Da qui imboccheremo il sentiero n. 1, sulla sinistra, appena prima del Passo, percorrendo uno sterrato in leggera salita con un panorama mozzafiato sul Sassolungo e Sassopiatto alla nostra destra, per poi scendere sterrati facili nel bosco (segnavia n.5° e poi n.5) e tra bucolici pascoli erbosi, arrivando alla suggestiva malga Schmieder (1680 mt), e (segnavia n. 15) alla Schönrastalm, la malga bel riposo ( 1690 mt). Visto il nome, qui la sosta è obbligatoria! Da Malga Bel Riposo, una divertente e facile discesa sterrata nel bosco (segnavia n. 15), ci porterà nuovamente di ritorno a Pietralba.

Vi aspettiamo numerosi!  Iscrizioni in sede GM, sezione di Verona, da venerdì 8 settembre, ore 21.

I capigita: Roberto e Monica